lunedì 22 agosto 2011

OREGON DUE

Solo, in mezzo a dei pini alti trenta metri. Per ore le piste si insinuano nelle foreste come un lunghissimo serpente silenzioso.
Ma le foreste bruciano anche. Hanno un aspetto lugubre. I tronchi sono tutti neri e non fanno più ombra.
Oggi ho allungato il brodo rinunciando a una pista che scavalcava una montagna e ho seguito un fiume sull'asfalto. Per finire più tardi la giornata.
Sono agli sgoccioli.
P.

P.S.: Come posso abbandonare Zia Mary Bombardona in USA?
Zia Mary verrà in Italia con me.
Una vita senza sentimenti è una vita arida.

6 commenti:

  1. Ma non esite che abbandoni The Bombardh laggiù!

    AnonimoMarronaroPiemotese

    RispondiElimina
  2. Dopo quello che avete fatto insieme è il minimo che puoi fare.
    Inoltre qui, libera dei bagagli, potrà compiere impennate chilometriche come solo Tu sai fare!!!!!!!! (Hans docet.)

    Ale.Monfa

    RispondiElimina
  3. La Bombardona deve venire in Italia!!!
    Tutte le enduro race devono vedere di che pasta è fatta una vera dual classe XR!!!

    Dai Polpo

    RispondiElimina
  4. Phil Hip Poh Tcheckootchee22 agosto 2011 21:32

    L'avevo già scritto giorni fa: semplice, una volta a Seattle, punta a Nord, Vancuver, poi tutta la costa canadese, l'Alaska, poi traghetto (o quel che diavolo c'è...), Kamchatckha, Mongolia e via fino a Torino!!!

    RispondiElimina
  5. <3 <3 <3 si pregusta il lieto fine :O)

    RispondiElimina
  6. You are almost there Polpo! What a journey. Can't wait to see your pics of the Pacific!

    RispondiElimina